Il crescente pericolo delle estorsioni virtuali

Dopo ransomware, malware e attacchi informatici dovuti al cyber-spionaggio, si sta diffondendo un nuovo metodo per ricattare le aziende. Si tratta dell’estorsione virtuale. Questa nuova generazione di attacchi informatici non si limitano alla semplice richiesta di pagamento per la restituzione di file e documenti aziendali, molto spesso riservati. Questa nuova forma di ricatto richiede un’ulteriore pagamento alle vittime per evitare che le informazioni vengano diffuse sul web.

Sono sempre più numerosi i grandi colossi che vengono colpiti da questa pratica. A farne ne spese maggiormente, sono però le piccole e medie imprese. Sono in aumento costante i casi di dipendenti e proprietari di piccole e medie imprese che vengono minacciati da questa nuova generazione di pirati informatici.

I più aggiornati rapporti sulla sicurezza informatica raccontano di questo preoccupante trend, in grado di creare ingenti danni economici al tessuto imprenditoriale italiano. Si stima che nel 2018 quasi la metà degli attacchi informatici riguarderà questo nuovo genere di estorsione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *